Calcio Cadetti - Giochi sportivi studenteschi Stampa E-mail
Scritto da Andrea Montinaro   

L’Istituto Comprensivo “C. Antonaci” di Martano si aggiudica il titolo provinciale

Dopo il secondo posto dell’anno scorso, l’Istituto Antonaci  si conferma ai vertici  provinciali della categoria cadetti  conquistando il titolo sul terreno in erba del comunale di Martano. Per l’occasione lo stadio, messo a disposizione dall’amministrazione comunale e dal presidente dell’ASD Martano  Domenico Scordari sempre presente e disponibile, era gremito da alunni genitori ed insegnanti che muniti di bandiere striscioni e trombe, hanno  incitato la squadra  dall’inizio alla fine.


L’avversario di turno era l’I.C. di Ugento arrivato in finale dopo aver battuto in semifinale l’I.C .di Parabita. Prima dell’incontro, con le due squadre schierate a centro campo, si è osservato un minuto di silenzio in ricordo della shoah. La partita ha inizio, e  sin dalle prime battute, la supremazia del Martano era evidente, con i ragazzi allenati dal prof. Oronzo Potì padroni del campo ma imprecisi e frettolosi  nelle tante conclusioni a rete.
Dopo aver sfiorato ripetutamente il goal e con un possesso palla pressoché costante, l’Istituto “Antonaci” finalmente ha aggiustato la mira, e nei minuti finali con un gran diagonale dell’ottimo Andrea Giannuzzi ha coronato il sogno della vittoria “bucando” la porta dell’Ugento e scongiurando così la lotteria dei calci di rigore.
Vittoria sofferta ma meritata dai ragazzi del prof. Potì che nel tripudio generale a fine  partita, lanciavano le magliette come da consuetudine, all’indirizzo dei tanti tifosi accorsi ad assistere alla finale provinciale ottimamente organizzata dalla professoressa Susi Caracuta.
Si è svolta quindi la premiazione dei ragazzi alla presenza della dirigente scolastica dell’Istituto dottoressa Maria Adele Campi, della  direttrice amministrativa Marina De Lorenzis, del coordinatore provinciale di Scienze Motorie Prof. Umberto Pini del vicesindaco Stefano Gallo e del presidente dell’ASD Martano Domenico Scordari.
Un ringraziamento speciale va al custode dello stadio sig Luigi Zacheo  e allo studio fotografico Greco di Martano.