Invalidità totale - Stefàno: Il governo si attivi a favore dei più deboli Stampa E-mail
Scritto da Redazione   

In una nota il Consigliere regionale de La Puglia per Vendola, Dario Stefàno, in merito al nuovo limite economico dell’invalidità totale, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “La rivalutazione del limite economico, che nel 2013 da individuale passa a familiare, per il riconoscimento del diritto alla pensione di invalidità ha dello scandaloso.  Mi chiedo: è questo è il modo per riequilibrare i conti del Paese? Siamo di fronte ad una decisione iniqua ed ingiusta che ancora una volta si abbatte sulle fasce più deboli e le famiglie, che mi pare stiano affrontando già sacrifici gravosissimi. Gli scenari immediati sono disastrosi: gli invalidi al 100% titolari, assieme al coniuge di un reddito lordo annuo superiore a 16.127,30 euro, perderanno il diritto alla pensione (275,87 euro al mese). Al contrario, peraltro, per gli invalidi parziali, per i sordi e i ciechi, il limite reddituale considerato continua ad essere quello personale: non capiamo il perché di questa  disparità di trattamento. Il governo Monti non può attendere ancora, dia un segnale in ‘controtendenza’: si attivi affinché questa decisione di INPS, che penalizza non i furbetti della pensione falsa, ma persone in carne ed ossa con vera disabilità totale, possa essere urgentemente annullata. Altrimenti non capiamo l’afflato moderato tanto decantato da qualche giorno a questa parte in quali misure si possa riconoscere. A noi piace immaginare, invece, un Paese che ha a cuore il welfare, che sa mettere al bando le disuguaglianze e che mostra di saper tenere insieme la freddezza dei conti con le difficoltà quotidiane dei più deboli".