Pensioni, Boeri: "Per quota 100 mancano le risorse per il 2020 e il 2021" Stampa E-mail
Scritto da tratto da larepubblica.it   

L'introduzione di quota 100 per anticipare l'accesso alla pensione rischia di non essere strutturale, perché le risorse accantonate dal governo potrebbero essere insufficienti. È l'allarme lanciato dal presidente dell'Inps Tito Boeri secondo cui "mancano risorse per il 2020 e il 2021"."Secondo tutte le nostre simulazioni -ha spiegato Boeri a margine di un evento organizzato dalla Fondazione Umberto Veronesi all'Università Bocconi di Milano -, costa in alcuni casi un terzo in più e in altri casi addirittura due volte in più rispetto al primo anno". "Eppure - ha ricordato il presidente Inps, nella legge di bilancio, è previsto che la dotazione del fondo che paga quelle pensioni è praticamente la stessa e vari di poche centinaia di milioni: 6,7 miliardi nel 2019 e 7 miliardi nel 2020 e 2021".  "È doveroso - ha aggiunto -  dare le giuste informazioni a tutti gli italiani, se noi permettiamo di andare in pensione prima, come ad esempio un requisito di 38 più 62, e il primo anno prevediamo delle finestre che di fatto ritardano l'uscita verso la pensione, inevitabilmente il secondo anno questa misura costerà di più che nel primo".
"Governo vuole aumentare i pensionati"
Boeri ha quindi espresso le sue critiche sull'idea sostenuta dal governo che consentire di anticipare il pensionamento possa avvantaggiare i giovani nell'ingresso nel mercato del lavoro. "Il governo si è posto come obiettivo quello di aumentare i pensionati", ha detto. "Quando si chiede perché si vogliono aumentare i pensionati, ci viene detto che serve per incrementare il tasso di occupazione dei giovani, ma se questo è l'obiettivo allora bisogna abbassare le tasse sul lavoro e creare occupazione e non capisco cosa c'entrino le pensioni".