Marittima: Don Peppino “la pinna po” Stampa E-mail
Scritto da Rocco Boccadamo   

Nell’ambito della periodica rotazione, non gli era toccata la leva del 1941, cioè la mia, e, però, lo conoscevo bene, al pari dell’intera scolaresca, sin dal debutto fra i banchi, come l’insegnante, il maestro per antonomasia del paese, il più vecchio.

Non a caso, per l’età e alla luce dell’anzianità di servizio, oltre a curare, formare e educare la sua classe, rivestiva anche il ruolo di Fiduciario per il plesso nell’insieme, ossia a dire di braccio operativo e rappresentante in loco della Direzione didattica – rammento i nomi di due titolari pro tempore, di entrambi i sessi, Luigi Formoso e Abbondanza Costa – situata nella cittadina di Poggiardo.

Per carità, appena sei – sette chilometri di distanza e però, di fatto, sulla base dei mezzi di trasporto privati e pubblici all’epoca disponibili, una sede lontana, le visite dei responsabili della zona alle strutture periferiche di loro competenza erano rare; capitava, insomma, di vedere di persona i funzionari in parola un paio di volte in tutto il ciclo delle elementari, più spesso, invece, era dato di scorgere e leggere le relative firme sulla facciata delle pagelle oppure a convalida dell’esito degli esami di terza e di quinta.

Don Peppino Margiotta, il Fiduciario, era un omone un po’ carico di acciacchi, durante le stagioni fredde si caricava, addosso, un’immensa mantella che lo ricopriva dal capo sino alle suole delle scarpe, in testa, in permanenza, un cappello con falde, arricchito, sul davanti, da una piuma, fumava la pipa, un arnese col fornello in argilla cotta e un lunghissimo e arcuato cannello – si scusi il bisticcio, di canna, giustappunto – con funzioni di bocchino.

Non ce la faceva a percorrere a piedi il tragitto da casa a scuola e, quindi, doveva avvalersi di un calesse tirato da un cavallo senza troppe pretese, le redini in mano ad un salariato, non carrettiere a tempo pieno ma adibito, all’occorrenza, a lavori vari nelle campagne di pertinenza del vecchio maestro.

Un quadretto d’insieme, non propriamente ordinario intorno alla figura dell’insegnante in questione, arrivato a un certo punto a ispirare, nella fervida fantasia degli scolari, una breve filastrocca: “Don Peppino la pinna po, vane nnanzi ca vegnu mo, e te piju cu lu cocò, Don Peppino la pinna po” (Don Peppino dalla piuma in vista, vai avanti che ti vengo subito appresso, e ti rilevo con il calesse, Don Peppino dalla piuma in vista).

Abitava, don Peppino, in un palazzotto terraneo, solido ed elegante, al centro del paesello, con un attiguo ampio giardino ricco d’alberi da frutta; il suo nucleo famigliare era composto dalla moglie Maria, dai figli Nino e Tommaso e dalla figlia Concettina.

Di “borsa”, diciamo così, e di mentalità, non che fosse avido, ma sicuramente tirato. Fra le piante dietro casa, svettavano rigogliosi esemplari di arancio che, nelle annate “cariche”, si presentavano alla stregua di un autentico spettacolo.

Mi raccontava la buonanima di mio suocero, i cui genitori, per decenni, avevano condotto in regime di mezzadria taluni fondi agricoli di don Peppino, che, da ragazzino, gli succedeva sovente d’essere precettato dal maestro, per montare, con la sua agilità, sui rami e raccogliervi le arance mature.

Sennonché, tale operazione era accompagnata da un particolare fisso e rigido: durante il compito del ragazzino, Don Peppino se ne stava ai piedi della pianta intrattenendolo in un continuo discorso con l’unico e preciso scopo di evitare il pericolo che, in corso d’opera, il raccoglitore addentasse e divorasse qualche arancia.

La sofferenza e la resistenza dell’imberbe addetto erano, quindi, messe a dura prova; secondo il racconto, in una sola occasione avvenne che don Peppino incorresse in una défaillance o distrazione e, ovviamente, che il ragazzo, che aveva fame, ne approfittasse prontamente per una velocissima scorpacciata.

Se ne avvide a posteriori, l’anziano padrone, sbottando in un rammaricato: “Raffaele, mi hai fregato!”.

Nelle proprietà terriere di don Peppino, per quanto io ricordi, rientravano il fondo “Le Rene”, a metà strada della via vecchia fra Marittima e Andrano, segnante proprio la delimitazione fra i due feudi, e un ampio giardino, denominato “Aria del Margiotta” (Margiotta, cognome del maestro), nel rione Ariacorte, dove sono nato e cresciuto, esattamente dirimpetto alla mia abitazione.

Tanto tempo fa, mio padre, per diversi anni, si fece dare in comodato detto giardino, con l’intento di coltivarvi sparuti filari di verdure a uso domestico, sicché io e i miei fratelli trascorrevamo svariate ore nell’Aria del Margiotta.

Una sequenza agreste è rimasta particolarmente impressa nella mia mente; in mezzo alle piante di cavolo svolazzavano spesso stormi di piccole farfalle, dalle ali con sfondo bianco e punteggiate di nero, denominate a ragione “cavolaie”. Un evento naturale, che si ripeteva, specialmente all’avvicinarsi di qualcuno e, tuttavia, io avevo la sensazione che i minuscoli e carini insetti si librassero al mio battere le mani, mi davo, come dire, un po’ le arie di autore di una sorta di magia.

Il secondogenito di don Peppino, Tommaso, era un bonaccione e, in paese, si parlava di qualche domanda spiazzante e sconcertante da lui rivolta al padre, una su tutte: “Papà, ma la luna di Napoli è differente da quella di Marittima?”, con l’effetto di scrollate di capo per disappunto da parte del genitore/maestro e del perentorio invito a tacere all’indirizzo del discolo.

Recentemente, da un’amica compaesana, novantenne e tuttavia molto arzilla e lucida, residente a Lecce nel mio stesso quartiere, ho avuto notizia di un curioso fatto di cronaca, datato ma verissimo, che ha in certo senso per protagonista don Peppino Margiotta.

Lavinia, così si chiama l’amica, intorno al 1942/1943, da poco sposata, viveva a Brindisi, dove si era fatta raggiungere dalla madre, donna Uccia Russi, a sua volta vedova. Quest’ultima, a Marittima, aveva lasciato il vecchio padre, don Peppino Russi, soprannominato “u tinente” (il tenente) per i suoi trascorsi militari con i galloni d’ufficiale di cavalleria, in condizioni di salute alquanto cagionevoli; sicché, prima di partire, donna Uccia si era raccomandata al maestro don Peppino Margiotta, stretto vicino di famiglia, di avvisarla tempestivamente in caso di epilogo terreno del genitore.

Un lunedì mattina, di buonora, presso il domicilio della figlia in Brindisi, donna Uccia si vide recapitare un telegramma proveniente da Marittima, spedito il sabato precedente, recitante all’incirca in questi termini: “Cara Uccia, t’informo che purtroppo si è pervenuti alla paventata fine”.

La donna e la figlia s’interessarono immediatamente per trovare i mezzi di trasporto con cui raggiungere, nel minor tempo possibile, il paese natio, non senza, secondo gli usi e i costumi, acquistare un grande fascio di fiori per la circostanza.

Verso sera furono a casa del “trapassato”, dove, però, con somma meraviglia, dovettero costatare che don Peppino (u tinente), non era per niente spirato, nonostante versasse in condizioni estreme. Conseguente, anzi scontata, la deduzione che don Peppino Margiotta era stato troppo zelante e, soprattutto, troppo tempestivo e neppure il lasso della fine settimana era valso a saldare perfettamente tempo e triste evento.

Che, peraltro, sopravvenne effettivamente in capo a qualche giorno.

E’ trascorso, scivolato come un’onda senza confini, oltre un sessantennio, della famiglia Margiotta, credo che sopravviva unicamente la figlia Concettina, abitante in una piccola località nei pressi di Marittima.

E’ ad ogni modo certo e attuale che giovani figli della predetta hanno recentemente restaurato e rimesso a nuovo e a bello la vecchia magione padronale di don Peppino Margiotta, ricavandone un elegante bed & breakfast, denominato “La Campurra”, in omaggio all’omologo antico slargo che si apriva a poca distanza e su cui, adesso, sorge una pubblica villetta con fontana a vasca.