Stampa E-mail
Scritto da Tratto da Lecceprima.it   

Puglia: superata quota mille casi positivi. I numeri di Asl su medici e infermieri

LECCE – Sono 99 i casi positivi riscontrati oggi in Puglia, secondo quanto riportato dal dipartimento della Protezione Civile dopo la trasmissione dei dati da parte della Regione. Il totale dall’inizio dell’epidemia è di 1005. Il numero dei tamponi effettuati è di 7345.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 57 (più 12), in reparti dedicati 317 (più 32), in isolamento domiciliario 566 (più 34). I pugliesi attualmente positivi risultano essere 940 (78 in più). I guariti passano da 7 a 21, i decessi da 37 a 44 (più sette, di cui uno in provincia di Lecce). Per la provincia di Lecce sono oggi 12 i test risultati positivi per un numero complessivo di contagiati pari a 161. Il bollettino regionale precisa che ci sono 54 campioni positivi per i quali si deve ancora procedere all’attribuzione della provincia di competenza.

Il bollettino di Asl Lecce

La Direzione Generale di Asl Lecce ha per la prima volta inoltrato un report per il territorio di competenza, aggiornato alle 9 del 23 marzo. Su 76 pazienti ospedalizzati tra Galatina (39) e Lecce (37) ne sono stati dimessi 18 mentre (13 al Santa Maria Novella e 5 al Vito Fazzi). Le persone decedute sono state 11 di cui 7 nell’ospedale del capoluogo e 4 in quello di Galatina: 8 erano donne, 3 i maschi. I test risultati positivi in provincia di Lecce si riferiscono per il 43,7 percento alla fascia d’età 50-69 anni; il 16,9 alla fascia 70-79; il 14,1 alla fascia 36-49; l’11,3 alla fascia 80-89; il 9,9 alla fascia 0-35 e il 4,2 alla fascia dai 90 in su.

Positivi in 25 tra medici e infermieri

La nota di Asl Lecce precisa che tra il personale sanitario sono stati effettuati centinaia di tamponi. Fino al 23 marzo in 25 sono risultati positivi, di cui 12 presso l’ospedale di Copertino, 7 al Vito Fazzi, 3 nella cittadella della salute di Lecce, 3 nell’ospedale di Gallipoli. Dieci operatori sono ricoverati in ospedale. La direzione generale di Asl ribadisce che ogni volta che si constata una infezione, viene allontanato il personale che ha avuto contatti stretti col caso positivo e vengono effettuati i tamponi.

Per quanto riguarda il caso verificatosi in Chirurgia Toracica, a Lecce, come misura precauzionale sono stati subito disposti la sanificazione dei locali e l’isolamento fiduciario, per una settimana, del personale in servizio anche se risultato negativo al primo tampone. I pazienti del reparto prossimi alla dimissione sono stati messi in sicurezza. Negli altri reparti non si segnalerebbero particolari criticità, nonostante l’isolamento fiduciario di alcuni medici e infermieri, come per Ortopedia e Radioterapia.



Potrebbe interessarti: http://www.lecceprima.it/attualita/epidemia-puglia-superata-quota-mille-asl-lecce-medici-infermieri-infetti.html