Sport
Leverano. La Bcc Leverano non va oltre un set. Amara la trasferta a Lamezia Terme „ Stampa E-mail
Scritto da Tratto da lecceprima.it   

Un’altra amara trasferta per la Bcc Leverano che nella settima giornata del campionato di A2, girone bianco, è stata sconfitta dalla Conad Lamezia per 3 a 1 e resta sul fondo della classifica davanti soltanto ai capitolini della Roma Volley.
La reazione dei salentini si è avuta solo nel terzo set, mentre nel quarto non è bastato un vantaggio di 5 punti per arrivare a regalarsi il tie-break. Sestetto tipo per coach Zecca con Tusch e Orefice in diagonale, Scrimieri e Serra centrali, Ristic e Galasso laterali e Catania libero. I padroni di casa a 48 ore dalla sfida affidano la panchina al secondo allenatore, Tarzia, dopo la rescissione consensuale con coach Vincenzo Nacci. I calabresi vanno in campo con Bigarelli, Aprile, Fantini, Bruno, Negron e Usai, Zito come libero.
Partenza sprint della Conad Lamezia che mette in seria difficoltà la ricezione avversaria e con il fondamentale del muro blocca sul nascere gli attacchi ospiti. Sono ben sei solo nel primo game i muri di Fantini e compagni, il resto lo fanno Aprile e Bigarelli assolutamente inarrestabili. Un muro e un attacco di Bruno portano i padroni di casa avanti sul 18-13 ed è Bigarelli a mettere a terra il punto del 25-16.
Tutto troppo facile per Lamezia che parte alla grande anche nel set successivo. Due grandissime difese di Catania e Orefice portano i salentini sul 7-6, ma poi due attacchi out dell'opposto leveranese e di Galasso segnano il nuovo allungo della formazione di coach Tarzia. Zecca prova a rimescolare le carte inserendo Sergio e il laterale fa registrare due ottimi muri su Bigarelli che riportano i gialloblù sotto sul 18-16. È tuttavia un fuoco di paglia: l'incomprensione tra Tusch e Sergio regala il 21-18 agli avversari ed è il segno di una partita che non ne vuole sapere di svoltare. La Conad ne approfitta così per andare sul 2-0.
L'avvio del terzo game è di marca salentina, con Orefice e compagni che sembrano essersi scrollati di dosso il torpore dei primi parziali. Avanti di 5 punti, tuttavia, la battuta di Alfieri torna a mettere in apprensione la ricezione della BCC Leverano. Sul 15-17 sono un muro di Scrimieri e un attacco di Ristic a dare nuovo fiato alle speranze degli ospiti che grazie ad un errore in palleggio degli avversari riaprono il match sul 20-25.
Partenza ottima anche nel quarto parziale per Orefice e compagni, con un muro di Galasso che regala il 5-8. Sul fronte opposto Bigarelli sbaglia qualche attacco di troppo e Leverano va avanti di 5 punti, grazie all'ace di Scrimieri (11-16). Come avvenuto nelle partite precedenti, a pochi passi dalla fine del set il braccino si accorcia e Bigarelli torna a fare malissimo in ricezione, segnando addirittura il sorpasso. Due ace su Catania e uno su Galasso, prima della battuta in rete di Scrimieri, regalano alla Conad Lamezia una preziosa vittoria e lasciano ancora con l'amaro in bocca la BCC Leverano. Domenica prossima i ragazzi di coach Zecca affronteranno in casa la Kemas Lamipel Santa Croce.

 
Il Lecce espugna Cosenza in una gara rocambolesca e vola in classifica Stampa E-mail
Scritto da Tratto da lecceprima.it   

LECCE – All’ultimo respiro. Nell’insidiosa trasferta di Cosenza il Lecce conquista una vittoria rocambolesca in una gara dominata per gran parte, subendo però la momentanea rimonta dei calabresi. Gli uomini di Liverani partono fortissimo e dopo appena 13 minuti di gioco si trovano in vantaggio di due reti grazie alle realizzazioni di Venuti (con un gran che supera Saracco) e una perfetta girata del solito Palombi, che sale a quota sei nella classifica marcatori. Il Cosenza sembra subire il micidiale uno-due dei salentini, e solo sul finire di primo tempo riesce a farsi pericoloso con un paio di sortite offensive.

Nella ripresa il Cosenza prova a reagire e si riversa nella metà campo giallorossa, con il Lecce che prova a dilagare in contropiede. Al 67esimo i padroni di casa trovano il goal con Tutino, bravo a raccogliere di testa un cross dalla destra e superare Vigorito. Accorciate le distanze i silani, spinti dal pubblico, iniziano a credere nell’impresa, e un minuto dopo sfiorano il pareggio con Maniero, che dalla distanza colpisce l'incrocio dei pali a Vigorito battuto. Liverani prova a rimediare inserendo Cosenza per Mancosu. L’appuntamento con il pareggio, però, è solo rimandato: all’80esimo è ancora Tutino a superare Vigorito e far esplodere di gioia i tifosi calabresi.

La corazzata Lecce, ancora una volta, si dimostra squadra di carattere e gran cuore, capace di reagire e di non mollare mai. Due minuti dopo è Falco, subentrato a La Mantia, a salire in cattedra e regalare con una grande azione personale la rete che vale la vittoria. Nel finale il Cosenza prova il tutto per tutto, ma la difesa giallorossa tiene senza grandi affanni. Per i salentini tre punti importantissimi che rilanciano la squadra verso i vertici della serie cadetta dopo la beffa di Pescara. Il 25 novembre, dopo la sosta, la sfida al Via del Mare con la Cremonese.

 
Cosenza – Lecce, trasferta solo per chi ha la Tessera del Tifoso Stampa E-mail
Scritto da tratto da Il Paese Nuovo.it   

LECCE – E’ in corso la prevendita dei biglietti del settore Ospiti per la sfida Cosenza – Lecce di domani pomeriggio.
I tagliandi saranno acquistabili dai soli sostenitori in possesso della tessera di fidelizzazione nel rispetto delle direttive del Ministero dell’Interno e secondo le linee guida approvate dall’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive, attraverso il sito www.vivaticket.it o presso la rete di vendita del territorio nazionale.
Inoltre, la tifoseria ospite dovrà giungere presso lo stadio “San Vito Gigi Marulla” di Cosenza, solo ed esclusivamente a bordo di bus organizzati, così come verrà disposto da apposito provvedimento, a firma del Prefetto di Cosenza.
Al momento dell’accesso allo stadio la tessera di fidelizzazione dovrà essere esibita, unitamente al biglietto e al documento di riconoscimento. Costo del biglietto Settore Ospiti  è di 13 euro, incluso eventuale diritto prevendita che  avrà termine oggi alle ore 19.
Il giorno della gara non sarà possibile acquistare il biglietto presso i botteghini dello Stadio San Vito Gigi Marulla di Cosenza. Il settore ospiti dello Stadio San Vito di Cosenza ha capienza 1000 posti.

 
Corigliano D'Otranto - Domenica la 19esima edizione della “Half marathon Grecìa salentina” Stampa E-mail
Scritto da redazione   

Corigliano d'Otranto – E’ uno degli appuntamenti più attesi della stagione podistica, la mezza maratona che chiude, di fatto, un anno di corse. Saranno in centinaia gli atleti al via della 19esima edizione della “Half marathon Grecìa salentina”, in programma domenica 10 dicembre (partenza alle ore 9), all’ombra della meraviglia cinquecentesca del Castello de’ Monti, a Corigliano d’Otranto (Koriàna). Un viaggio nel cuore di una terra antica come il tempo, tra storia, leggende, resti megalitici di specchie, dolmen, menhir, monumenti e una lingua dal fascino seducente e dal suono ammaliante: il griko. Ventuno chilometri nel cuore della Grecìa salentina, sulle tracce della Magna Grecia, culla di civiltà e incontro di razze, culture e popoli. Bellissimo il percorso disegnato dall’Asd Atletica Amatori Corigliano con il patrocinio del comitato provinciale Fidal di Lecce, dell’Unione dei comuni della Grecìa salentina, e la preziosa collaborazione di Cronogare, che condurrà i podisti in tre dei novi comuni della Grecìa.
“La Half marathon Grecìa salentina rappresenta ormai un appuntamento fisso nel calendario delle manifestazioni sportive nazionali – commenta il presidente dell’Amatori Corigliano, Lucio Antonio Donno – che, partendo dal comune di Corigliano d’Otranto, si snoda nel cuore della Grecìa Salentina, rivolgendosi non solo agli sportivi locali ma anche ai tanti atleti che approfittano della manifestazione per trascorrere alcuni giorni di vacanza nel Salento, offrendo un interessante connubio fra sport, turismo e tradizioni storico-culturali della nostra terra. La nostra manifestazione podistica ci consente di rivolgerci a un pubblico interessato alla pratica sportiva diretta, fatta di fatica e sudore, lontana dai fragori dello sport spettacolo, in cui lo sport diventa un’occasione sociale straordinaria di aggregazione e divertimento”.
Partenza, come detto, dalla nobile Corigliano, poi giù verso Melpignano, attraversando l’imponente piazza antistante l’ex chiesa e convento degli Agostiniani (un capolavoro architettonico progettato dell'architetto leccese Giuseppe Zimbalo), dove ogni estate si tiene il concertone finale della Notte della Taranta, e piazza San Giorgio, antica sede di un importante mercato caratterizzata dai suoi portici con volte a botte circolari. Terza tappa nel fascino e le origini leggendarie di Castrignano dei Greci (Kastrignàna), dove sull’imponente castello, “fortis indomitu”, troneggia un’iscrizione dal carattere sinistro: “procul Thaumantia proles dulcior cum pulvere palma ne quid invita Minerva (state lontano, figlie di Taumante; la palma della vittoria è più dolce con la polvere, affinché tu non faccia niente contro la volontà di Minerva), che sembra rivolta ai guerrieri-podisti. Infine il ritorno in salita a Corigliano, attraversando l’antica Porta Sud, conosciuta come Caporta (dal griko cau+porta, “porta sud”), sormontata dal motto: “invidia inopia fa”, un invito sempre valido contro l’invidia, che conduce gli atleti all’arco meno nobile ma più glorioso dell’arrivo.


 
Sorteggiati i quarti di finale: il Lecce contro Alessandria, prima in casa Stampa E-mail
Scritto da Tratto da LeccePrima.it   

LECCE - Effettuato a Firenze il sorteggio per gli accoppiamenti dei quarti di finale dei play-off di Lega Pro: al Lecce, che ieri ha eliminato la Sambenedettese, tocca l'Alessandria, che ha liquidato la Casertana.
Il match di andata è in programma mercoledì prossimo, 31 maggio, al Via del Mare mentre il ritorno la domenica successiva, il 4 giugno, in Piemonte. In caso di parità (di risultato o di differenza reti) si disputeranno i supplementari ed eventualmente i calci di rigore.
Queste le altre partite in programma: Parma - Lucchese; Lecce - Alessandria; Pordenone - Cosenza; Livorno - Reggiana. Si è trattato di un sorteggio libero, senza teste di serie né vincoli su gare da disputare prima in casa o in trasferta. In caso di qualificazione il Lecce affronterà la vincente tra Livorno e Reggiana.
L'Alessandria ha terminato il suo girone a quota 78 punti, gli stessi della Cremonese che però è stata promossa come prima in virtù degli scontri diretti. Per la squadra di mister Roberto Rizzo, dunque, una doppia sfida molto complicata: per dare una mano ai giallorossi ci vorrà il Via del Mare trasformato in una bolgia.
Di seguito il commento del direttore sportivo dell'Us Lecce, Mauro Meluso, diramato dall'ufficio stampa della società: “Magari, con un regolamento più logico Lecce e Alessandria si sarebbero affrontate più in la. La reputo una sorte di pre-finale, visto che entrambe le squadre si sono classificate seconde nei rispettivi gironi. Alla fine, comunque, cambia poco, veramente poco. Siamo pronti per queste sfide".
"A mio modo di vedere Lecce e Alessandria sono tra le migliori formazioni delle 60 dell’intera Lega Pro. Loro hanno un potenziale offensivo di grandissima qualità, con giocatori che hanno fatto bene in categorie superiori, come Gonzalez. Noi non siamo da meno, sono molto fiducioso. In generale giocare il ritorno in casa è un vantaggio, però,  vista la storia recente dell’Alessandria proprio questo fattore potrebbe avere una valenza negativa per loro".
"Della squadra piemontese conosco molto bene Nicco, per averlo avuto a Frosinone. La partita di ieri? Mi ha fatto svegliare questa mattina con grande fiducia per il futuro e questa fiducia non è stata minimamente intaccata dal sorteggio. Ho visto due cose ieri che sono concatenate tra loro: da un lato la spinta eccezionale del Via del Mare, tutti i nostri tifosi erano molto partecipi, come testimonia l’urlo di tutto lo stadio quando Ciancio accompagnava a fondo campo una palla con i giocatori della Sambenedettese che non riuscivano  ad intervenire. Dall’altro, si è vista una squadra che ha sentito questa spinta, questa partecipazione e si è espressa secondo le sue potenzialità, su livelli eccellenti, grazie al lavoro di mister Rizzo e del suo staff e che ci fanno pensare positivo per il prosieguo di questi play off. Il risultato di ieri sera ci sta stretto e non mi preoccupa il fatto di non essere riusciti a far gol, riprova ne sono le reti segnate in questo campionato".

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 34