Sport
Lecce di nuovo in testa alla classifica grazie alla vittoria per 2 a 1 sul Treviso Stampa E-mail
Scritto da Redazione   

LECCE. Finisce la partita al Via del Mare. Il Lecce torna a vincere battendo in casa il Treviso col risultato di 2-1 (Bogliacino, Giacomazzi, Tarantino) e torna primo in classifica, grazie anche al pareggio interno del Trapani con la Virtus Entella. Và a segno Bogliacino dopo appena 2 minuti con il raddoppio di Giacomazzi al 27°. Nel secondo tempo il Treviso accorcia le distanze su rigore battutto dal capitano Tarantino. Da segnalare un rigore parato dal portiere Triestino Merlato a Jeda e l’infortunio di Benassi, con il Lecce costretto a giocare in 10 nell’ultimo quarto d’ora di partita con in porta Chevanton. RISULTATO FINALE: LECCE- TREVISO 2-1

 
ANDREA MANCO, È IL PRIMO SALENTINO A SALIRE SUL RING NEL 2013 Stampa E-mail
Scritto da SANDRO TURCO   

Il giovane figther di Melissano, sarà tra i protagonisti della riunione pugilistica organizzata a Melfi, dall’Accademia Pugilistica Andriese. Al cospetto del Superwelter salentino, ci sarà il calabrese Stefano Loriga. Ospite d’onore della serata, il campione olimpico, Roberto Cammarelle

Andrea Manco 3(ko1)+0+0, è pronto per salire nuovamente sul ring. Dopo l’ottima prestazione offerta nel Salento lo scorso 23 dicembre (in occasione del V Galà Pugilistico-Città di Ugento), il 20enne pugile professionista di Melissano – portacolori della scuderia milanese Opi2000 – sarà tra i protagonisti della serata di sabato 26 gennaio, organizzata all’interno del Palasport di Melfi (Pz) dall’Accademia Pugilistica Andriese (diretta dal tecnico Pietro Sgaramella). Alla manifestazione pugilistica – saranno peraltro diversi i pugili professionisti e dilettanti che si articoleranno sul quadrato – presenzierà, in qualità di ospite d’onore, il campione olimpico Roberto Cammarelle (i genitori del Supermassimo di Cinisello Balsamo, sono originari della vicina Rionero in Vulture). Tornando al pugile professionista salentino, Manco (categoria Superwelter) affronterà il match di sabato – sulla distanza delle sei riprese – contro il 29enne crotonese Stefano “Demolition Man” Loriga 11(ko5)+1+2. Nel 2012 (anno dell’approdo in Lega Pro), Manco ha superato rispettivamente il siciliano Angelo Mancuso, l'ungherese Aron Csipak e l’ungherese Laszlo Szekeres (quest’ultmo battutto per ko alla seconda ripresa). Manco, sarà assistito all’angolo, dai tecnici della BeBoxe di Copertino, Francesco Stifani e Carmine Conte. «Oramai nelle ultime notti, continuo a visionare qualche filmato, per studiare il prossimo avversario di Manco – spiega il tecnico Francesco Stifani – Stiamo ancora definendo la strategia da adottare per sabato. Peraltro, la comunicazione del match ci è giunta da pochi giorni ma al contempo sono relativamente tranquillo della condizione atletica di Manco, anche perché il ragazzo da oramai diversi mesi, continua ad allenarsi con una certa intensità. Sul quadrato si materializzerà l’esperienza di Loriga, contro la forte determinazione di Manco. Il 2013 si apre con questo appuntamento e sono certo che per molti ragazzi della nostra palestra sarà un anno denso di appuntamenti e di nuovi ingressi interessanti: a tal riguardo, tra i dilettanti, a breve faremo esordire un giovane pugile a mio avviso promettente; e difficilmente sbaglio pronostico». Anche Andrea Manco, si ritiene oramai pronto per il quarto impegno il Lega Pro Boxe: «La voglia di risalire sul ring, mi ha già caricato a dovere – esordisce Manco – Anche se in pochi giorni, mi sento preparato fisicamente e psicologicamente per affrontare questo primo match targato 2013. Probabilmente, dal Salento giungeranno diversi sostenitori per assistere all’incontro di sabato a Melfi, quindi sarà un’ulteriore stimolo per far bene sul quadrato, al cospetto di un avversario decisamente esperto».

 

 

 

 
CLUB SCHERMA LECCE: COMINCIA BENE IL 2013 Stampa E-mail
Scritto da SANDRO TURCO   

 

Il Club Scherma Lecce è salito in pedana lo scorso weekend a Foggia per la IIª Prova Interregionale di Spada.

Per Chiada Spedicato, giunge il secondo posto

Il nuovo anno inizia sotto la migliore stella, per il Club Scherma Lecce. Il secondo posto conseguito da Chiara Spedicato (classe 1992), proietta la schermitrice salentina alla fase nazionale in programma a La Spezia, in programma il prossimo 12 aprile. Ben sei gli atleti presenti domenica scorsa a Foggia per il secondo appuntamento riservato alla specialità della Spada (appuntamento valevole per la qualificazione alle fasi nazionali). Nella Spada Maschile, non è bastata l'ottima prova dei quattro rappresentanti del club presieduto da Sari Greco: Marco Massari (’96), Giovanni Sammarco (’71), Antonio Rizza (’95) e Gabriele Trevisan (’98), sono tutti riusciti a superare i rispettivi gironi eliminatori e la prima diretta sciorinando in pedana grinta e determinazione, dimostrando al contempo, buone doti schermistiche che sicuramente nelle prossime gare faranno ben sperare in più appaganti risultati. Nella Spada Femminile l'obiettivo è stato invece centrato da Chiara Spedicato la quale ha concluso la gara al secondo posto (al termine del duello finale contro Miriana Morciano delle Lame Azzurre Brindisi), dopo aver eliminato – al secondo turno di dirette – la compagna di club Luisa Di Ciaula (’98); peraltro, anche quest’ultima avrebbe anche ampiamente meritato qualcosa di più vista l'ottima prestazione e la maturità con la quale ha affrontato la sua compagna  di squadra. «Sono molto soddisfatta per la qualificazione della Spedicato, anche se, considerata la sua esperienza schermistica, già alla vigilia era già stata nominata tra le sicure papabili per un piazzamento sul podio – sottolinea la presidente del Club Scherma Lecce, Sari Greco – Decisamente soddisfatta anche per la prova degli altri atleti, specie se teniamo in riferimento il fatto della loro giovanissima età. Intanto, il prossimo impegno regalerà un’ulteriore prestigio per la nostra società, visto che saremo proiettati nel circuito internazionale. Domenica prossima infatti, Chiara Spedicato – su segnalazione della società e grazie al personale ranking nazionale – è stata autorizzata  dalla Federazione Italiana Scherma a partecipare  alla gara di Busto Arsizio: ovvero il Torneo Europeo Under 23 . Stessa possibilità per altri due nostri atleti: Giulio Montesardo e Marco Massari, segnalati a partecipare nel torneo Under 17, sempre del circuito europeo. Che altro aggiungere – conclude la presidente Greco – un ottimo inizio d’anno, che premia il serio e costante lavoro del maestro Alessandro Rubino».

 

 
LECCE E BARI, INSIEME A PADOVA PER L’ITALIAN JOB RACE Stampa E-mail
Scritto da SANDRO TURCO   

 

A Ruffano, la Occhiazzi Rc Racing Team, si prepara per la trasferta di Padova. Nel prossimo weekend, la società salentina, sarà l’unica realtà pugliese presente e, per l’occasione, anche un nugolo di piloti baresi, ha deciso di indossare i colori della scuderia del presidente Pasquale Gravante

RUFFANO. Lecce e Bari, insieme per affrontare la trasferta in terra veneta. La “Occhiazzi” Rc Racing Team di Ruffano, è difatti pronta – con i suoi alfieri – a rappresentare la Regione Puglia all’edizione 2013 dell’Italian Job Race, in programma sul tracciato di Padova dall’11 al 13 gennaio prossimi e riservato agli amanti dell’automodellismo. La gara, si svolgerà nella fantastica struttura dell’IBR Padova, una pista permanente indoor disegnata da Joey "The Dirt" Christensen. Si tratta di un tracciato interessante e vario, stile USA ma con tutti i vantaggi di una pista coperta. Box riscaldati, ristorante e negozio RC sono solo alcuni dei servizi offerti da IBR Padova. Questo sarà il primo grande evento dell'anno: il momento giusto per iniziare a sistemare i modelli per la stagione 2013. In occasione della kermesse, s potranno anche ammirare i “big” cimentarsi con i nuovi modelli. Un evento unico per cominciare nel migliore dei modi la stagione 2013. The Italian Job Race e IBR Padova: una gara fatta di divertimento, nitro e terra. A questo evento, saranno presenti alcuni rappresentanti pugliesi, grazie alla volontà della società ruffanese. Dal 2009 la “Occhiazzi” Rc Racing Team” ha iniziato il suo percorso agonistico presenziando sui circuiti presenti sul territorio nazionale. La società presieduta da Pasquale Gravante, vanta il supporto di ben 16 soci divenendo in breve tempo il punto di riferimento degli altri driver presenti nell’hinterland ruffanese.

A rappresentare la Puglia come anticipato, sarà proprio la società ruffanese del presidente Pasquale Gravante. Dal Salento, sono pronti a schierarsi, Roberto Natali di Muro Leccese (categoria F1), Alessio Gravante, Rocco Caldo e Pinuccio Ferrari quest’ultimi di Ruffano (impegnati in F2). Con la “Occhiazzi” Rc Racing Team”, si presenteranno anche quattro driver provenienti dalla provincia di Bari: si tratta di Massimo Solazzo, Giovanni Loperfido, Eligio Maluaso e Paolo Olivieri.

«Sempre grazie all’immensa passione verso questa disciplina sportiva, continuiamo a regalarci nuove emozioni spiega il presidente della “Occhiazzi” Rc Racing Team” Pasquale Gravante – Siamo oramai pronti per affrontare una lunga trasferta in terra veneta, consapevoli del fatto che bisogna sempre confrontarsi con altri prosceni. Peraltro, sarà prestigioso poter rappresentare l’intera Puglia, grazie proprio alla nostra presenza. Ad impreziosire quest’ultimo aspetto, sarà anche la volontà, da parte di alcuni piloti provenienti dalla provincia di Bari, di indossare i nostri colori sociali, formando un’unica squadra, pronta a battagliare al cospetto di numerosi driver, alcuni dei quali tra i più quotati in Italia. Avremo la possibilità di poter entrare in un circuito decisamente all’avanguardia e, chissà se un giorno, il sogno di poter realizzare un impianto di nostra proprietà si potrà realizzare. Per il momento ci accontentiamo di aver istituito una sede sociale, utile soprattutto per creare un luogo di incontro e di aggregazione per gli appassionati dell’automodellismo».

 

 
V GALÀ PUGILISTICO: UN GRANDE SUCCESSO DI PUBBLICO E DI SPETTACOLO SUL RING Stampa E-mail
Scritto da Sandra Turco   

 

Ad Ugento, è calato il sipario anche sulla quinta edizione del Galà Pugilistico, ospitato nel sud Salento. Nel match-clou, Andrea Manco ha battuto per ko l’ungherese Szekeres. Nella sfida internazionale di club, l’Italia ha superato la rappresentativa magiara per 3-2. L’analisi del tecnico della BeBoxe, Francesco Stifani

UGENTO. Il “Madison Square Garden” del Salento (il PalaOzan – Tiziano Manni di Ugento), si è confermato polo attrattivo per gli amanti della boxe. Domenica scorsa, nel sud Salento, si è materializzato l'atteso “V Galà Pugilistico Città di Ugento” organizzato dalla BeBoxe di Copertino, in collaborazione con l'amministrazione comunale di Ugento e con Eventi & Sport, sotto l'egida della Federazione Pugilistica Italiana e Lega Pro Boxe.

Durante la serata (corposa anche la presenza delle autorità politiche locali), si è dato anche spazio alla solidarietà e alle tematiche sociali, grazie alla presenza dell’Associazione Onlus “Cuore e Mani Aperte” di Lecce, per sostenere il progetto dell’acquisto della seconda Bimbulanza, ovvero l’ambulanza pediatrica al servizio dei bambini del sud Italia. A salire sul ring e al cospetto del pubblico delle grandi occasioni, due rappresentative di club: Italia e Ungheria. Cinque incontri che hanno impreziosito il match-clou Manco vs Szekeres. Per il 20enne Superwelter di Melissano Andrea Manco (scuderia OPI 2000) si è trattato del terzo match professionistico (Manco ha precedentemente vinto contro il siciliano Angelo Mancuso e l'ungherese Aron Csipak). Il prologo della serata, ha offerto anche un’esibizione (tra il tarantino Francesco Magrì e l’ungherese Hamar Roland) e tre match fuori programma, con protagonisti, i gemelli Cordella di Copertino, i rispettivi sfidanti (provenienti dalla provincia di Foggia), il leccese Antonio Camilli e il brindisino Semeraro. Subito dopo, si è letteralmente incendiata la sfida Italia-Ungheria, culminata con il confronto Manco vs Szekeres. Tra gli ospiti, anche due pugili professionisti (il copertinese Peso Massimo Emanuele Leo e il brindisino Superwelter Antonio De Vitis) e il copertinese penta campione italiano nei Welter (dilettanti), Dario Vangeli.

«È stata una serata indimenticabile sotto tutti i punti di vista – commenta il tecnico della BeBoxe Francesco Stifani – Il pienone di pubblico, è sfociato a tratti in una vera bolgia da stadio. Anche per questo aspetto voglio cominciare dal personale elogio a Totò Carafa, il quale oramai continua a dimostrare di essere un grande organizzatore di eventi pugilistici, capace di non trascurare anche il minimo ed apparentemente trascurabile aspetto; a questo punto mi chiedo chissà cosa potrà riuscire ad ospitare nei prossimi anni ad Ugento. Dal punto di vista tecnico, gli elogi e le tirate d’orecchie si dividono equamente; parto dai gemelli Cordella: molto bene Damiano, mentre Nicola (campione italiano Schoolboy 2012) avrebbe potuto far meglio e, a mio avviso, un pareggio sarebbe stato il risultato più giusto. Sono soddisfatto per Specchia e per il “solito” Carafa (capace di infiammare il pubblico di casa), mentre Argano ha pagato una preparazione discontinua e non adeguata per un pugile che ambisce a qualcosa di importante. Complimenti anche al leccese Guarascio. Manco, infine, dopo 20 secondi della seconda ripresa (erano previsti sei round) ha messo ko l’avversario ungherese, grazie ad un perfetto montante sinistro. Sono felice anche perché Manco insisteva con il destro, mentre proprio dall’angolo insieme al mio collaboratore Carmine Conte, abbiamo consigliato di colpire con il sinistro: Andrea è stato bravo e tempestivo a cogliere il suggerimento, costringendo Szekeres, a cedere le armi. Dopo due vittorie, giunte al termine delle sei riprese, domenica scorsa per Manco, è giunta la prima vittoria ko; adesso si spera che nel 2013, si possano raggiungere ambiziosi traguardi. Infine – conclude Stifani – oltre a Totò Carafa, voglio ringraziare l’intero staff della BeBoxe, grazie al quale è possibile realizzare queste manifestazioni di cotanto spessore».

 

 

Esibizione

Francesco Magrì, Junior kg 57,5 (Pugilistica Quero-Chiloiro, Taranto) vs Hamar Roland Elite kg 61 (Ungheria)

Fuori Programma

Damiano Cordella, Schoolboy kg 47,5 (BeBoxe Copertino) vs Giacomo Di Staso Schoolboy, 46,5 (Pugilistica Taralli, Foggia): vittoria ai punti per Cordella;

Nicola Cordella, Schoolboy kg 47,5 (BeBoxe Copertino) vs Andrea Pepe Schoolboy, 51 (Pugilistica Taralli, Foggia): vittoria ai punti per Cordella;

Antonio Camilli Elite IIIª Serie kg 79 (Salento Boxe, Lecce) vs Giulio Semeraro Elite IIIª Serie kg 80,5 (Pugilistica Rodio, Brindisi): vittoria ai punti per Camilli.

Italia vs Ungheria

Angelo Perrone, Youth kg 50 (BeBoxe, Copertino) vs Kristof Kovacs, Junior kg 51(Ungheria): vittoria ai punti per Kovacs;

Cristian Specchia, Youth kg 74,5 (BeBoxe, Copertino) vs Tamas Balog, Elite kg 70 (Ungheria): vittoria ai punti per Specchia;

Antonio Guarascio, Elite IIª Serie kg 87 (Amici del Pugilato, Lecce) vs Tamas Acs, Elite kg 89 (Ungheria): vittoria (alla seconda ripresa) per RSCH di Guarascio;

Vincenzo Argano, Elite IIª Serie kg 77,5 (BeBoxe, Copertino) vs Ivanyi Lazlo, Youth kg 74 (Ungheria): vittoria ai punti per Lazlo;

Giuseppe Carafa, Youth kg 62 (BeBoxe, Copertino) vs Mihaly Szalontai, Youth kg 65 (Ungheria): vittoria ai punti per Carafa.

Incontro professionistico (categoria Superwelter)

Andrea Manco, kg 71,5 (OPI 2000) vs Laszlo Szekeres kg 70 (Lauri Promotion): vittoria per ko (dopo 20 secondi della seconda ripresa) di Manco.

Commissario di Riunione: Sebastiano Sapuppo (Le);

Arbitri-Giudici: Michele Contino (Ta), Giuseppe Speranza (Ta) e Agostino Bove (Le);

Medico di Servizio: dottor, Ernesto Malorgio;

Cronometristi (Ass. “G.Dolce” di Lecce): Luca Sapuppo e Giuseppe De Pascalis.

 

 
<< Inizio < Prec. 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Succ. > Fine >>

Pagina 15 di 34