Eventi
“GIARDINI E PAESAGGI APERTI 2015”: SABATO 11 E DOMENICA 12 APRILE ANCHE NEL SALENTO Stampa E-mail
Scritto da Redazione   

Fine settimana alla scoperta dei luoghi belli ma poco conosciuti del Salento, dove tornano, dopo il successo delle precedenti edizioni, le Giornate nazionali “Giardini e Paesaggi aperti” promosse dall’Associazione italiana Architettura del Paesaggio - Sezione Puglia (AIAPP). L’evento ha il patrocinio di Provincia di Lecce, Regione Puglia, Ifla Europe (International Federation of Landscape Architects), Ordine provinciale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori e Ordine provinciale dei Dottori Agronomi e Forestali ed è organizzato in collaborazione con i Comuni di Botrugno, Giuggianello, Nociglia, San Cassiano, Surano e con numerosi altri enti ed associazioni. Quest’anno al centro dell’iniziativa, in programma tra sabato 11 e domenica 12 aprile, c’è il tema “Paesaggio e agricolture”, che sarà sviluppato in cinque eventi distribuiti in tutta la Puglia. Esperti e studiosi, ma anche operatori locali e semplici cittadini, faranno conoscere luoghi insoliti al fine di indagare il contributo che il progetto di paesaggio può dare all’interno delle diverse “agricolture”, ovvero alle diverse pratiche che oggi interessano lo spazio agricolo. In provincia di Lecce gli eventi previsti sono due. Si parte sabato 11 aprile dalle ore 15 alle ore 18, con “I paesaggi del carsismo”, una giornata alla scoperta del paesaggio geologico intriso di agricoltura e tradizioni, passeggiando tra canali d’acqua e stagni temporanei disseminati lungo le strade rurali delle campagne tra Maglie, Cutrofiano, Scorrano e Supersano. L’appuntamento proseguirà anche domenica 12 aprile dalle ore 9 alle ore 18.
Domenica 12 aprile si terrà il secondo evento in programma dal titolo “Attraverso i Paduli…. tra storia, tradizione, innovazione e sostenibilità”, organizzato in collaborazione con l’associazione L.U.A. Laboratorio Urbano Bollenti Spiriti “Abitare i Paduli”. Ai partecipanti sarà offerta l’opportunità di trascorrere una giornata nel Parco dei Paduli per scoprire l’identità di questi luoghi ricchi di storia e la bellezza di un paesaggio straordinario. I visitatori saranno accompagnati da esperti conoscitori del luogo alla scoperta delle erbe spontanee e degli ulivi secolari che “disegnano” questo territorio, ma anche delle testimonianze di antiche culture che questi luoghi custodiscono gelosamente.  Il ritrovo è previsto per le ore 10, presso il Laboratorio Mobilità “Abitare i Paduli”, a San Cassiano. Alle ore 10.30 si partirà per un’escursione a piedi (o in bicicletta prenotandosi) negli uliveti del Parco dei Paduli. Alle ore 13 è previsto l’arrivo nell’uliveto pubblico del Parco, dove si potranno degustare olio e prodotti locali (il costo delle degustazioni è di 5 euro, con prenotazione obbligatoria entro venerdì 10 aprile). Le visite riprenderanno alle ore 15 con ritrovo presso il Laboratorio Percorsi culturali “Abitare i Paduli” a Giuggianello. Alle ore 15.30 prenderà il via l’escursione a piedi attraverso l’itinerario delle pietre nel Parco dei Paduli. Alle ore 19.30, presso il Palazzo Bozzi Colonna a Giuggianello, si svolgerà “Lampa”, la festa delle buone pratiche agronomiche e della cultura dei luoghi, con degustazioni di piatti a base di prodotti tipici e del prezioso olio ricavato dagli splendidi ulivi della zona. La festa sarà animata dallo spettacolo teatrale “Lassadicane” di Stefania Semeraro e a seguire il concerto del Coro dei Paduli a cura di Enza Pagliara. Per avere informazioni e per prenotare si può contattare la presidente della sezione Puglia di AIAPP Tiziana Lettere (347/0928775). Dal 1950 l’AIAPP contribuisce al miglioramento della conoscenza, conservazione attiva e tutela del paesaggio. Le precedenti edizioni di “Giardini e paesaggi aperti” sono state dedicate ai temi “Paesaggi e Archeologie” e “Paesaggio: motore di sviluppo economico.

 
Domeniche ottocentesche a Muro Leccese - Si danza nelle sale del Palazzo del Principe Stampa E-mail
Scritto da Redazione   

A Palazzo del Principe, ogni domenica fino a maggio, in incontri in stile romantico-borghese si ripercorrono le tappe che nell’Ottocento portavano al “debutto in Società”: si apprendono e si provano le danze sociali seguendo i manuali pubblicati dai maestri, si pensa all’abito da indossare, si segue scrupolosamente il tradizionale codice di comportamento e buone maniere. Obiettivo, danzare nel prossimo “Gran Ballo”. È un'offerta culturale del Comune di Muro Leccese, che ha sposato un’originale proposta del Circolo pugliese della Società di Danza.
Il Circolo pugliese della Società di Danza da anni così anima i luoghi più suggestivi del Salento. Il Comune di Muro Leccese ha inteso, con questa proposta, dare risalto all’edificio di maggior pregio della Città. Il Palazzo del Principe è certamente stato il cuore pulsante della società dell’800, con la sua magnifica Sala da Ballo che si affaccia sulla Piazza del Popolo. Prossimo appuntamento: DOMENICA 29 MARZO 2015 dalle ore 16:30 alle 19:30. Condurrà l’esposizione delle danze, dei costumi e del quadro storico-sociale la direttrice artistica del Circolo pugliese della società

 
L'associazione culturale MentiCalde si ripensa e lancia una nuova “sfida artistica” al territorio Stampa E-mail
Scritto da Marco Candido   

L'associazione culturale MentiCalde si ripensa e lancia una nuova “sfida artistica” al territorio salentino! Nasce “MentiCaldeArtLab”, la nuova associazione culturale che raccoglie l'eredità della fortunata associazione MentiCalde che negli scorsi anni ha dato prova di serietà e impegno nell'ambito della diffusione e della conoscenza dell'arte. Sempre sotto la guida del giovane ed estroso artista leccese Marcello Quarta, la nuova associazione, composta da un nuovo organigramma che vede la collaborazione di Alessandro Faraone e Francesco Cristofaro, decide di rimettersi in gioco e lo fa come sempre con impegno proponendosi come centro catalizzatore per tutti coloro che vogliono esprimersi e che per farlo utilizzano l'arte in tutte le sue declinazioni. Sul solco della sua tradizione MentiCaldiArtLab riprende la sua attività all'insegna della creatività e dell'arte promuovendo le “menti calde” che il territorio salentino offre. È per questo che l'associazione ha deciso che l'iniziativa inaugurale che darà ufficialmente l'avvio alla nuova attività sarà l'omonima mostra “MentiCaldeArtLab” che si terrà il 4 e il 5 aprile e che verrà ospitata negli spazi della Chiesetta Santa Maria delle Grazie, chiesetta sconsacrata sita in via Madonna degli studenti, strada secondaria di via XX settembre nei pressi dell'ex Vito Fazzi. La mostra accoglierà le opere di nove giovani artisti che abbiamo già imparato ad apprezzare e conoscere nel corso degli anni e le cui opere hanno già suscitato interesse tra “gli addetti ai lavori” ma non solo anche grazie al lavoro e alla sensibilità di Marcello Quarta che da sempre è attento alla diffusione e alla divulgazione dell'arte nel nostro territorio. Federica Calabriso, Teo Fotografo d'Arte, Luigi Giannini, Beatrice Mele, Rossella Marzano, Jenny Ungaro, Giada Rizzello, Annamaria Di Maggio e Gabriele Letizia sono gli artisti che si ritroveranno il 4 e il 5 aprile presso i locali della Chiesetta Santa Maria delle Grazie, nove artisti con formazione e sensibilità artistiche differenti, ma tutti accomunati dalla medesima “vocazione”, fare dell'arte uno strumento di interpretazione e comprensione del reale.

 
"START-UP, PMI E PROFESSIONISTI PER COSTRUIRE L'ECOSISTEMA DELL'INNOVAZIONE", CONFINDUSTRIA LECCE – Stampa E-mail
Scritto da Maria Rosaria Polo   

Il Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Lecce e l'Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Lecce organizzano per giovedì 26 febbraio dalle ore 15 alle 18 un incontro su "Start-up, PMI e professionisti per costruire l'ecosistema dell'innovazione", presso la sala conferenze di Confindustria Lecce - Via Fornari, 12. L’evento è patrocinato dall'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Lecce, dalla Fondazione Messapia - Fondazione dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Lecce e da Confindustria Lecce.
L’innovazione è una delle chiavi di volta sulle quali bisogna intervenire per consentire alle imprese del nostro sistema produttivo il definitivo rilancio ed una ripresa solida e duratura. E’ pertanto indispensabile comprendere in quale quadro e sistema di regole, occorre muoversi, sia per costituire nuove iniziative imprenditoriali, sia per far crescere quelle esistenti. Su tali tematiche verterà l’incontro, durante il quale sarà possibile discutere dello stato dell’innovazione in Italia e su come trasformare la propria idea in impresa.

Il programma dell’evento prevede:
Saluti Istituzionali:
Rosario Giorgio Costa, presidente Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili della Provincia di Lecce;
Marcello Marchetti, Presidente Fondazione Messapia, Fondazione dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Lecce
Eliseo Zanasi, Commissario ad Acta di Confindustria Lecce.

Apertura dei lavori:
Bianca D'Agostinis, presidente Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Lecce;
Viola Margiotta, presidente Gruppo Giovani Imprenditori di COnfindustria Lecce

Interventi:
Il ruolo economico delle start - up e delle PMI innovative, la Legge 221/2012 e il decreto legge Investment Compact
Matteo Corbetta, membro della Segreteria Tecnica del Ministro dello Sviluppo Economico
Dalla ricerca all'imprenditorialità: un caso di successo
Alessandro Sannino, professore associato del Dipartimento di Ingegneria dei Materiali dell'Università del Salento, imprenditore

 
Qualche anno per ricostruire Forza Italia". Fitto conferma che dal partito non si muove“ Stampa E-mail
Scritto da Tratto da Lecceprima.it   

LECCE- Raffaele Fitto conferma la volontà di rinnovare Forza Italia non con un'operazione di rottura, ma con una riforma dall'interno del partito. L'ex ministro è salito sul palco del cinema dei Salesiani, a Lecce, per le considerazioni finali di un incontro sul tema della soppressione delle Province e sulle unioni dei Comuni, e nel suo intervento è entrato più volte nel confronto duro che lo vede, a capo della minoranza e accerchiato con sempre maggiore ostilità dai fedelissimi di Silvio Berlusconi. "Servono molti mesi e anche qualche anno per ricostruire Forza Italia e il centrodestra ", ha concluso Fitto davanti ai parlamentari, a numerosi amministratori salentini - a partire dal sindaco di Lecce, Paolo Perrone e dal presidente delle Provincia, Antonio Gabellone -, e a molti simpatizzanti. L'europarlamentare, il più suffragato d'Italia alle ultime elezioni europee, ha iniziato il suo intervento liquidando con una battuta l'ultimatum di due settimana che gli è stato dato rispetto alla scelta di rimanere o allontanarsi dal partito. E' evidente che la linea è quella della battaglia interna, ma non si può prefigurare adesso cosa potrà accadere dopo la chiusura delle urne per le regionali di maggio. Nei giorni scorsi, Forza Italia, al termine di una riunione romana, ha indicato in Frascesco Schittulli, ex presidente della Provincia di Bari e sul quale c'era già il gradimento di tutto il resto della coalizione, compreso il Nuovo Centro Destra, il candidato ufficiale. Fitto, da parte sua, non ha mancato di far sapere di aver appreso della designazione da un'agenzia di stampa , ma è chiaro che il suo peso specifico nel partito dipenderà anche dal risultato che Fi avrò ottenuto: una percentuale deludente gli si ritorcerebbe contro, a vantaggio dei suoi detrattori. Potrebbe anche accadere che si arrivi ad una conta interna con l'escamotage della presentazione di una lista a lui direttamente collegata, ma è ancora presto per dirlo. Nell'incontro di oggi,al quale hanno preso parte Pierluigi Portaluri e Valerio Elia, con la moderazione del giornalista Raffaele Gorgoni, Fitto ha ribadito che la rinascita di Forza Italia deve partire dalle proposte concrete rispetto ai temi da affrontare - al proposito ha citato 20150215_112807-2come esempio le minacce terroristiche dei fondamentalisti dell'Isis ma anche l'idea stessa di cosa debba essere il centrodestra - e dal rovesciamento dell'impostazione verticistica del partito. Sulla questione della linea politica rispetto al governo di Renzi, ha spiegato le ragioni del suo no alla riforma del Senato, perché non supererebbe i limiti dell'attuale bicameralismo, a quella elettorale, perchè darebbe tutto il potere decisionale al partito di maggioranza, all'atteggiamento duplice rispetto all'Europa da parte di Renzi, coraggioso cioè nelle dichiarazioni della mattina, sussieguoso nei provvedimenti firmati nel pomeriggio, su indicazione di Bruxelles. Da segnalare, all'esterno della struttura, la presenza di una ventina di lavoratori di Alba Service, la partecipata della Provincia di Lecce che naviga in acque molto agitate: i circa 130 dipendenti sono senza stipendio da gennaio e non hanno alcuna certezza rispetto al proprio futuro. La macchinosità con cui la Regione sta provvedendo all'attuazione della legge Delrio rende ancora oggi difficoltosa la previsione su competenze in campo agli enti provinciali e risorse a disposizione.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 6 di 31