Welfare
Melendugno: il 22 novembre incontro pubblico per parlare del progetto "PRO-MUOVERE" Stampa E-mail
Scritto da Leo Candido   

Si terrà giovedì 22 novembre alle ore 18,00 presso la sala consiliare del Comune di Melendugno, la riunione con le associazioni e i soggetti interessati, per accogliere suggerimenti e proposte in merito al progetto "PRO-MUOVERE" che l'assessorato ai Lavori Pubblici e l'assessorato alle Pari Opportunità hanno in animo di lanciare a brevissimo, nell'ambito della programmazione delle opere pubbliche e delle pari opportunità e che riguarda l'eliminazione delle barriere architettoniche ed in generale sulla maggior vivibilità del territorio anche da parte di soggetti con disabilità motorie.L'obiettivo ha detto l'assessore alle pari opportunità Avvocato Giusy Doria,è quello di sensibilizzare l'opinione pubblica a una maggiore attenzione a detta tematica, soprattutto per quei cittadini che spesso poco conoscono le difficoltà quotidiane da affrontare nei nostri centri urbani da parte di persone con difficoltà motorie. Per tali ragioni ha aggiunto l'assessore ai lavori pubblici geom. Giancarlo Galati, si vuole proporre un piano pluriennale che sia frutto del lavoro coordinato di più soggetti a vario titolo coinvolti, partendo dal coinvolgimento di chi vive quotidianamente l'argomento, assieme alle associazioni e alle persone sensibili a queste tematiche.

 
CAVALLINO: IL REDDITO DI DIGNITÀ IN PUGLIA - venerdi 18 dicembre Hotel Leone di Messapia Stampa E-mail
Scritto da Redazione   

Si terrà venerdì 18 dicembre 2015, dalle ore 9 alle ore 13.30 a Lecce presso l'Hotel Leone di Messapia, il primo evento regionale promosso dalla Giunta Regionale della Puglia per la illustrazione del Disegno di Legge sul Reddito di Dignità e sulle politiche regionali per l'inclusione sociale attiva, che costituiranno il tessuto connettivo delle diverse azioni promosse dalla Regione per il contrasto della povertà, l'inserimento sociolavorativo e la maggiore accessibilità dei servizi per la popolazione pugliese in condizione di maggiore fragilità socioeconomica.

PROGRAMMA
Dalle ore 9,30 alle ore 10,15
Saluti e introduzione dell’Assessore al Welfare della Regione Puglia, Salvatore Negro, e dell’Assessore al Lavoro e Formazione, Sebastiano Leo

Relazione dell’On. Titti De Simone, Consigliera della Presidenza per l’Attuazione del Programma 
“Dal Programma di Governo Regionale al disegno di legge sul Reddito di Dignità”

Dalle ore 10,00 alle ore 10,45
Relazione del Prof. Vito Peragine, Dipartimento di Scienze Economiche – Università degli Studi di Bari 
“La distribuzione dei redditi in Puglia e le misure di contrasto alla povertà”

Relazione della dr.ssa Anna Maria Candela, Dirig. Sezione Programmazione Sociale e Integr. Sociosanitaria
“L’inclusione sociale attiva e il ReD: integrazione tra politiche sociali e politiche attive del lavoro”

Relazione del Prof. Luigi Spedicato, Dipartimento di Storia, Società e Studi sull'uomo – Università degli Studi di Lecce
“La programmazione sociale dei Comuni e il contrasto delle povertà estreme”

Dalle ore 10.45 alle ore 11,30
Le testimonianze sui percorsi di inclusione sociolavorativo
Daniela Vantaggiato – Ambito territoriale di Galatina
Rossano Corvaglia – Consorzio per la realizzazione del sistema integrato di Welfare – Ambito di Poggiardo

Dalle ore 11,30 alle ore 13,00
Gli interventi del partenariato socioeconomico
Gianni Forte – Segretario Generale CGIL Puglia
Giulio Colecchia – Segretario Generale CISL Puglia
Aldo Pugliese – Segretario Generale UIL Puglia
Domenico De Bartolomeo – Confindustria Puglia
Antonio De Donno – ACLI Puglia
Carmelo Rollo – LegaCoop-ACI Puglia

Ore 13,00 – Conclusione del Presidente della Giunta Regionale, dr. Michele Emiliano

L’evento in rete

Per richiedere informazioni scrivete una mail a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Per seguire gli aggiornamenti sull’evento
http://pugliasociale.regione.puglia.it/

L’evento social
Su Facebook segui la Pagina PugliaSociale Net
Su Twitter segui Pugliasociale Net

 
Al via le domande per il Bonus Idrico Stampa E-mail
Scritto da Redazione   

“Esiste uno specifico bonus-sconto sulla bolletta idrica in Puglia per i cittadini, cosiddetti “deboli” ossia in disagio economico e/o fisico, intestatari di una fornitura idrica ad uso abitativo domestico di residenza (singola o condominiale)”. A ricordarlo, in occasione della pubblicazione del bando per le annualità 2012,2013 e 2014, è il sindaco Paolo Perrone, Presidente dell'Autorità Idrica Pugliese che, assieme alla Regione, ad Anci Puglia, e ad AQP, è l’Ente che ne assicura l'operatività.
"Da parte dei Comuni pugliesi facenti parte dell’AIP e dell’ANCI – sottolinea il Presidente - il rinnovato coinvolgimento pieno nella operatività del Bonus è un ulteriore segnale di attenzione nei confronti delle fasce più deboli della popolazione, soprattutto in questo momento di crisi economica. L'obiettivo, adesso, è di focalizzare ancor meglio le azioni informative e l'operatività' insieme ai soggetti ed alle istituzioni coinvolte. "Le domande di “Bonus idrico 2012, 2013 e 2014”, potranno essere presentate dal 13 aprile al 4 settembre 2015.  Le modalità di accesso al bonus per l’annualità 2015 sui consumi 2014 saranno le stesse (disagio economico con ISEE uguale o inferiore a 7.500 euro o a 20.000 euro per famiglie con più di 4 figli a carico e/o disagio fisico, come per il Bonus elettrico, ovvero con uno dei componenti della famiglia in gravi condizioni di salute tanto da richiedere utilizzo di apparecchiature elettromedicali salvavita) ma con l’opportunità in più di consentire a chi non ha fatto domanda di bonus nei tempi previsti dal bando precedente, di avere l’erogazione anche del contributo 2012 e 2013. Il nuovo bando è disponibile ai seguenti indirizzi: www.aip.gov.it e www.aqp.it.
Per la presentazione della domanda sono disponibili i seguenti canali:
• via internet, da questo sito http://ww
• w.bonusidrico.puglia.it/application/

 

 
“NO BARRIER”: i negozi e le strutture ricettive possono candidarsi per entrare nel circuito Stampa E-mail
Scritto da Redazione   

 

“Nuovo Obiettivo: turismo senza barriere”: come? Attraverso itinerari e percorsi realmente percorribili e fruibili dai diversamente abili.

E’ giunto ad un importante e decisivo momento di attuazione il progetto “N.O. Barrier”, finanziato nell’ambito del Programma di Cooperazione Territoriale Europea “Grecia-Italia 2007-2013”, che vede insieme la Provincia di Bari (in qualità di leader partner), la Provincia di Lecce, il Comune di Bari, l’Istituto Pugliese di Ricerche Economiche e Sociali (Ipres), l’Università degli Studi di Bari (Cirpas), il Comune di Nardò, la Regione della Grecia Occidentale e la Regione greca delle Isole Ioniche. Grazie ad un proficuo lavoro comune, sono già stati realizzati itinerari turistici con l’aiuto di specialisti, che hanno verificato l’effettiva percorribilità e fruibilità di luoghi ed esercizi commerciali. Ora, con una manifestazione di interesse, i privati che ritengono di avere le caratteristiche di accessibilità richieste si possono candidare ad entrare nel circuito. I risultati e i dati di questo lavoro, insieme alle modalità per presentare le domande saranno illustrati nel corso dell’incontro-conferenza stampa che si terrà mercoledì 10 dicembre, alle ore 11, a Palazzo Adorno a Lecce, al quale sono stati invitati i partner di progetto, le associazioni di categoria, gli operatori del terzo settore e la stampa. In apertura il saluto e l’introduzione del presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone. A seguire gli interventi “Presentazione degli obiettivi”, a cura di Francesca Arbore, dirigente Servizio Politiche Comunitarie della Provincia di Bari, lead partner del progetto; “La manifestazione di interesse da parte dei privati nel Progetto N.O. Barrier e l’inserimento nei percorsi turistici per diversamente abili”, con Gianfranco Gadaleta, ricercatore dell’Istituto Pugliese di Ricerche Economiche e Sociali (IPRES) di Bari; “Contributo alla costruzione del sito”, a cura di rappresentanti delle Asl Lecce e Brindisi. I consulenti della Provincia di Lecce per Progetto N.O. Barrier Elisa Greco e Diomede Stabile parleranno poi dei criteri utilizzati nella costruzione di percorsi turistici per diversamente abili, mentre il direttore area creativa di Studio9/Italia, agenzia di marketing & pubblicità Bari Roberta Dispoto illustrerà funzione, modalità di uso, diffusione del sito e dell’app multimediale. Infine, Giovanna Petrachi, funzionario del Servizio Innovazione Tecnologica della Provincia di Lecce, presenterà le modalità di partecipazione, di presentazione della domanda, di registrazione relative alla Manifestazione di interesse. Gli esercizi commerciali e le strutture ricettive, in possesso dei requisiti per accogliere persone con disabilità, potranno presentare apposita domanda (manifestazione di interesse) per essere inseriti nei percorsi. I candidati saranno sottoposti ad una verifica, volta solo ed esclusivamente ad appurare la rispondenza tra quanto dichiarato nella domanda e lo stato dei luoghi, da parte di un’apposita commissione. Se la verifica darà esito positivo, gli esercizi accessibili saranno riconoscibili da un apposito “label” e saranno, quindi, definitivamente inseriti nel percorso. Gli itinerari turistici per persone con disabilità saranno visionabili sia sul sito in costruzione del progetto “N.O. Barrier”, che un’app multimediale. Essi conterranno beni culturali, esercizi commerciali, alberghi, B&B, lidi attrezzati accessibili ai diversamente abili, servizi del terzo settore, nonché la rete sanitaria disponibile sul territorio (ospedali, pronto soccorsi, reparti e numeri di telefono per immediate necessità sanitarie). I tour operator potranno trovare dei micro percorsi turistici completi di tutte le indicazioni utili ad organizzare l’accoglienza sul territorio per i turisti con disabilità: accoglienza, spiagge, monumenti e parchi, ristorazione, farmacie e così via. Ruolo importante è stato svolto dalle Asl di Lecce e Brindisi, che hanno supportato la realizzazione del progetto con una fattiva collaborazione per individuare le strutture sanitarie presenti e limitrofe ai percorsi. “No Barrier”, in generale, si propone di rafforzare i percorsi di inclusione sociale delle persone con disabilità attraverso il “turismo sostenibile”. Il progetto punta a realizzare un set organico di interventi per ridurre le barriere che non permettono una piena fruizione dei territori. Il progetto agisce sia sulle barriere di tipo fisico-materiale, sia su quelle intangibili, come tutti quegli ostacoli culturali e sociali che allontanano i turisti con disabilità dalla piena fruizione turistica: informazioni, comunicazione, servizi, ecc. sia nella creazione di percorsi turistici accessibili. L’obiettivo finale è la creazione di pacchetti turistici destinati sia a singoli soggetti, che a tour operator, con conseguente destagionalizzazione ed implementazione di flussi turistici.

 

 
Il lieto fine. Lucrezia Fulcieri, 107 anni, avrà di nuovo la sua pensione Stampa E-mail
Scritto da Giovanni D'agata   

Dopo l'appello sulle pagine del nostro sito e sulle pagine dei social, dei media, tv e giornali, tanti i messaggi di solidarietà arrivati da tutto il mondo. Poi il lieto fine. L'INPS di Palermo ha ripristinato il pagamento della rendita alla decana del Ticino, ospite della Casa Giardino a Chiasso. La questione era emersa lunedì scorso, durante i festeggiamenti per i suoi 107 anni. Lucrezia Furceri, operaia in una fabbrica che faceva camicie, la donna più anziana del Ticino, non riceveva più la pensione già dall'aprile scorso. La signora, arrivata in Svizzera negli anni '60, era infatti considerata come già deceduta dall'INPS di Palermo, che fino ad un anno fa si era occupato di versarle la rendita di vecchiaia. Ora però la situazione si è sbrogliata e Lucrezia è tornata a vivere anche per l'Italia. Il mancato pagamento della pensione, che durava da ormai un anno, era dovuto unicamente ad un errore del codice fiscale. Lo ha spiegato l'INPS di Palermo, che ha subito riattivato l'accreditamento della pensione sul conto della decana del Ticino. L'INPS ha aggiunto che nell'aprile 2013 era stato richiesto alla signora Furceri un "certificato di esistenza in vita", ma che lo stesso è stato presentato solo nel dicembre scorso. L'INPS non ha poi potuto ripristinare il pagamento, a causa del già citato errore del codice fiscale. Ma ora, grazie anche al fatto che l'ingiustizia è balzata all'onore delle cronache, l'INPS si è attivata presso l'Agenzia delle entrate e in breve tempo ha risolto la situazione. A partire da questo mese di giugno Lucrezia Furceri riceverà nuovamente la sua pensione, così come le rate non riscosse.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 3