Eventi
La Sagra de lu Noce, terza edizione. Stampa E-mail
Scritto da Redazione (Il Salentino Anno II n.18 - Dal 20 al 29 Luglio 2009)   

A Nociglia il 25 luglio

di Pantaleo Candido

NOCIGLIA. "Il bosco ceduo “Belvedere”, intorno al 237 a.C., fece da rifugio sicuro alle spaventate popolazioni in seguito alla conquista romana del Salento.
Successivamente, col quietarsi dei tempi,i rifugiati uscirono dal bosco e alcuni di essi, attratti dal clima e dalla fertilità del suolo, vi si stabilirono definitivamente, dando così origine al piccolo nucleo che sarà poi Nociglia.
La tradizione popolare vuole che il toponimo di Nociglia derivi dalla fusione dei due sostantivi noci e gigli, piante molto diffuse al tempo in cui il bosco Belvedere era lussureggiante.

Leggi tutto...
 
In campo anche i musei, l’arte e la “lectura” di Carmelo Bene Stampa E-mail
Scritto da Claudia Presicce - Tratto da Nuovo Quotidiano di Puglia   


“E quindi uscimmo a riveder le stelle”. Sono queste dell’uscita dall’Inferno, in questi giorni senza aria e senza cielo, le parole di Dante che più vorremmo sospirare, come se tutto il resto fosse ormai un ricordo
passato… Se per “uscire” ci vuole ancora pazienza, è però intanto arrivata l’occasione per riparlare del sommo poeta italiano: oggi si celebra in tutto il Belpaese il primo “Dantedì” della Storia, siamo tutti chiamati a leggere Dante. Il Ministero dell’Istruzione ha invitato docenti e studenti durante le lezioni a distanza, e chiunque vorrà farlo, a celebrare il poeta più rappresentativo d’Italia durante tutta la giornata
di oggi sui social, con pillole, letture in streaming, performance dedicate a Dante, con gli hashtag ufficiali #Dantedì e #IoleggoDante. Tra le manifestazioni in Puglia spicca il Mar- Ta, il Museo Archeologico Nazionale di Taranto, che celebrerà il “Dantedì” con “in MArTAvisione”, attraverso i canali social del museo con vari approfondimenti dedicati a Dante a cura di Gianni Pittiglio, storico dell’arte del Ministero
per i Beni e le attività culturali, che oggi avrebbe dovuto presentare al museo una conferenza. Anche il Polo biblio-museale di Lecce e il Dams Unisalento, celebrano il Dantedì, con un nuovo contenuto multimediale sul canale YouTube del progetto #laCulturaRestaAccesa. Infatti Rino Maenza, produttore culturale e amico di lungo corso dell’artista salentino, dalla sua casa-studio racconterà l’esperienza della “Lectura Dantis” di Carmelo Bene del 31 luglio 1981 dalla Torre degli Asinelli di Bologna, ad un anno dalla strage della stazione e offrirà contributi video dal suo archivio. Previsto anche un intervento di Loredana Capone, assessore della Regione Puglia, nel video montato ed editato dagli studenti del Dams, a proposito di #laCulturaRestaAccesa, tra le altre cose, sul progetto di valorizzazione del Fondo Carmelo
Bene. La Direzione regionale dei Musei di Puglia partecipa al Dantedì con un fitto programma a cui dalle 12 si potrà partecipare tramite i social con pillole, letture in streaming e performance dedicate a Dante,
sempre utilizzando gli hashtag ufficiali #Dantedì e #IoleggoDante. Per celebrare questa prima edizione (a distanza) della giornata di Dante, il Museo Archeologico Nazionale di Altamura esporrà una ricostruzione
in 3D dalla famosa dolina carsica detta “Pulo”, con affinità immaginifiche con l’Inferno, mentre il sito di
Castel del Monte ricorderà un passo del “De vulgari eloquentia”, in cui passando in rassegna i vari dialetti italiani, il Sommo si sofferma sulla grandezza del volgare di Sicilia nato alla corte di Federico II e di suo figlio Manfredi che indica sovrani illuminati e nobili. La figura di Manfredi e i diversi riferimenti su di lui nella “Divina Commedia”, saranno al centro degli approfondimenti del Castello Svevo di Trani e dal Museo Nazionale Archeologico di Manfredonia. Alcuni luoghi della cultura tra cui l’Anfiteatro Romano di Lecce ed il Museo Archeologico Nazionale di Canosa proporranno, durante la giornata, immagini e testi dedicati a canti della Divina Commedia dove sono presenti riferimenti a soggetti di opere d’arte presenti in Puglia. Le incisioni di Gustavo Dorè arricchiranno i contenuti delMuseo Archeologico Nazionale di Egnazia, che ha
scelto il tema della presenza di Virgilio nell’antica città, e del sito archeologico di Canne della Battaglia sui versi dell’Inferno dedicati alla celebre battaglia del 216 a. C. Anche il Castello di Copertino presenterà
un approfondimento sulla storia del sito al tempo di Dante, partendo dall’anno di nascita del sommo poeta che, secondo alcuni studiosi, coinciderebbe con la costruzione del “mastio angioino” (la torre rimasta dell’antico castello medievale). Quando nello scorso gennaio il Ministro per i Beni e le attività culturali e per il turismo Dario Franceschini istituì questa giornata dedicata a Dante Alighieri il 25 marzo
(giorno dell’inizio del viaggio ultraterreno della Divina Commedia) nessuno poteva immaginare che sarebbe andata così.
Scelse “una giornata per ricordare in Italia e nel mondo il genio di Dante” come “l’idea stessa di Italia unita”. Queste parole oggi si caricano di un senso nuovo, ma non cadono nel vuoto.

Il Mibact e il Miur hanno mantenuto l’impegno ribaltando sul web l’iniziativa e così tutti potranno oggi
proporre sui propri account social opere varie per raccontare questa figura centrale nell’identità italiana. Parteciperà anche la Rai, grazie a Rai Teche con le più importanti “Lecturae Dantis” interpretate da grandi artisti proposte in pillole di 30” nelle tre reti Rai e su Rai Play. Sul canale YouTube del Mibact e sul sito del Corriere della Sera sarà trasmesso un video realizzato per la primaedizione del #Dantedì con i
contributi di Paolo Di Stefano, giornalista promotore del “Dantedì”, e altri.

 
"La Traviata" di Giuseppe Verdi, ha chiuso venerdi la 44esima Stagione Lirica della Prov. di Lecce Stampa E-mail
Scritto da Redazione   

Lecce. Parterre delle grandi occasioni ieri sera venerdi 8 marzo al Tetro Politeama Greco di Lecce, per la chiusura della Stagione Lirica della Provincia di Lecce 2013; è andata in scena l’opera immortale di Giuseppe Verdi “La Traviata”. Era presente oltre al Presidente della Provincia di Lecce dott. Antonio Gabellone e alla sua vice avv. Simona Manca, anche il Prefetto di Lecce Dott. Giuliana Perrotta. Quest’anno la stagione lirica è stata dedicata interamente a Giuseppe Verdi, nell'anno in cui si festeggia il bicentenario della sua nascita. A 160 anni dalla sua prima rappresentazione, "La Traviata" rappresentata ieri sera a Lecce, è stata una delle prove più riuscite di questa stagione andate in scena sul palco del Politeama Greco. Applauditissime le performance dei due protagonisti principali: Violetta, interpretata dalla soprano turca Burcu Uyar, e Alfredo, interpretato da Massimiliano Pisapia. Egregia è stata la direzione del maestro coreano e figlio d'arte Min Chung, che ha saputo fondere l’esecuzione dell’orchestra della Provincia di Lecce con le voci degli artisti sul palco. Ottime le scenografie di Alfredo Troisi e perfetta la regia di Lindsay Kemp.


 

 
Mercatone Uno, spunta un acquirente per il negozio di San Cesario. Prudenti i sindacati „ Stampa E-mail
Scritto da Tratto da Lecceprima.it   

Mercatone Uno, spunta un acquirente per il negozio di San Cesario. Prudenti i sindacati

San Cesario di Lecce – Sviluppi nella vertenza Mercatone Uno? È ancora presto per dirlo e i sindacati ci vanno con i piedi di piombo, per non alimentare false speranze nei lavoratori già fiaccati dalla crisi nazionale che ha colpito lo storico marchio d'arredamento.

Ma uno spiraglio nel tunnel s'intravede: il ministero dello Sviluppo economico avrebbe infatti autorizzato la cessione di 9 punti vendita del gruppo a diversi soggetti imprenditoriali. Esisterebbe anche una manifestazione d'interesse per il punto vendita di San Cesario di Lecce che impiega 43 persone, tra le quali molte famiglie, finite in cassa integrazione straordinaria per crisi.

Un imprenditore locale avrebbe presentato un’offerta per il negozio con la possibilità di salvaguardare, però, soltanto 5 posti di lavoro.

Il punto vendita di San Cesario, lo ricordiamo, non è l'unico nel Salento che ha chiuso i battenti: analoga sorte è toccata ai negozi di Surano, Matino e Casarano.

I problemi, per tutti, sono cominciati allorché la proprietaria del marchio, Shernon Holding, ha avviato la procedura di concordato preventivo.

Tornando, però, alla notizia del presunto acquisto, Daniela Campobasso di Filcams Cgil Lecce ha precisato che "non è corretto generare aspettative che, in questo momento particolare, possono provocare solo danni".

"Abbiamo ricevuto, dall'amministrazione straordinaria, questa notizia che valutiamo positivamente ma dobbiamo mantenerla nell'alveo delle possibilità e valutarla con cautela. Finché non vedremo accordi scritti e ratifiche ministeriali, preferiamo andarci con i piedi di piombo – ha spiegato -. Da troppo tempo ormai questi lavoratori vivono di precarietà e di voci che si susseguono incessantemente, e ogni volta si finisce con il fare un passo avanti e due indietro".

La prudenza espressa dalla sindacalista vale anche per il numero dei lavoratori che dovrebbe essere potenzialmente ricollocato, appena 5: "Se da un lato possiamo prendere in considerazione con cautela questa ipotetica manifestazione d'interesse, dall'altro siamo molto preoccupati perché se la proposta si dovesse concretizzare in questi termini, ci troveremmo con quasi 40 dipendenti tagliati fuori dall'accordo. I numeri sono risicati. Noi come potremmo ricollocare decine di persone, considerato che verremo fuori da un'emergenza sanitaria che sta già creando danni economici, in tutti i comparti produttivi? Occorre quindi valutare attentamente anche le ricadute occupazionali di questa possibilità".



Potrebbe interessarti: http://www.lecceprima.it/attualita/mercatone-uno-spunta-un-acquirente-per-il-negozio-di-san-cesario-prudenti-i-sindacati.html

 
Ѐ andato in scena venerdi 22 al Politeama di Lecce “UN BALLO IN MASCHERA” di G.Verdi Stampa E-mail
Scritto da Redazione   

Lecce. Si è tenuto venerdì 22 febbraio presso il Teatro Politeama Greco di Lecce, il terzo appuntamento in cartellone, della 44^ Stagione Lirica Tradizionale della Provincia di Lecce, con la direzione artistica di Sergio Rendine. La serata ha registrato il pienone delle grandi occasioni, con un grande successo di critica e di pubblico. Tre ore e mezza di spettacolo che ha affascinato tutti i presenti.

Con la sapiente regia di Antonio De Lucia e la guida del maestro concertatore e direttore d’orchestra Filippo Zigante, si è alzato il sipario sulla rappresentazione di una delle più belle opere di Giuseppe Verdi che associa alla sua potenza espressiva un grande lirismo che pervade tutta l’opera. Molto atteso è l’appuntamento dell’otto marzo quando andrà in scena “La Traviata”. Il cast di “Un Ballo in Maschera” (libretto di Antonio Somma) era composto da: Piero Giuliacci (Riccardo), Luciana Distante (Amelia), Domenico Balzani (Renato), Evghenia Dundekova (Ulrica), Gemma Cardinale (Oscar), Orlando Polidoro (Primo giudice e un servo d’Amelia), Angelo Nardinocchi (Silvano), Francesco Palmieri (Samuel), Gianfranco Zuccarino (Tom). Nella serata si è esibito il Coro lirico di Lecce diretto dal maestro Emanuela De Pietro. Le musiche sono state eseguite dall’Orchestra “Tito Schipa” di Lecce. Il coreografo era Giovanni Simeone, l’assistente alla regia, Francesca Rollo. La scenografia era a cura di Caia Costantino, mentre i costumi sono di Alessandra Polimeno. “Un Ballo in Maschera” verrà replicato domenica 24 febbraio, alle ore 18, nel Teatro Politeama Greco di Lecce (nei ruoli principali si esibiranno Nunzia Santodirocco e Leyla Martinucci) e lunedì 25 febbraio, nel Teatro Verdi a Brindisi (sipario 20.45).

 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 20